martedì, aprile 24, 2007

Proprietà intellettuale: sanzioni penali UE

Domani è atteso lo storico voto del Parlamento europeo sulla relazione presentata dal parlamentare italiano Zingaretti (PSE) e già approvata in Commissione. Il progetto è quello relativo alla tutela della proprietà intellettuale e rimane sostanzialmente inalterato rispetto alla proposta elaborata dall'esecutivo comunitario.
Si tratta di un voto storico in quanto il Parlamento per la prima volta approverà un testo legislativo di I pilastro che esplicitamente prevede l'introduzione di sanzioni penali.

venerdì, aprile 20, 2007

Razzismo e Xenofobia (segue)

Di seguito la diciarazione annessa al verbale del Consiglio che reca l'accordo politico sulla Decisione quadro in materia di Razzismo e Xenofobia.
Si tratta di un testo interessante. Da sottolineare il riferimento/rinvio che la Decisione opera alle definizioni di crimini internazionali come incluse nello Statuto di Roma istitutivo della Corte penale internazionale.

La Dichiarazione

Statement to be inserted in the minutes of the Council at the time of the adoption of the Framework Decision
"On (date) the European Council of Ministers has adopted a Framework Decision on Combating certain forms and expressions of Racism and Xenophobia by means of criminal law. The aim of this Framework Decision is to approximate criminal law provisions and to combat racist and xenophobic offences more effectively by promoting a full and effective judicial cooperation between Member States.
The Framework Decisions deals with such crimes as incitement to hatred and violence and publicly condoning, denying or grossly trivializing crimes of genocide, crimes against humanity and war crimes. The Framework Decision is limited to crimes committed on the grounds of race, colour, religion, descent or national or ethnic origin. It does not cover crimes committed on other grounds e;g; by totalitarian regimes. However, the Council deplores all of these crimes.
The Council invites the Commission to examine and to report to the Council within two years after the entry into force of the Framework Decision, whether an additional instrument is need, to cover publicly condoning, denying or grossly trivializing crimes of genocide, crimes against humanity and war crimes directed against a group of persons defined by other criteria that race, colour, religion, descent or national or ethnic origin such as social status or political connections.
The Berlin declaration adopted on 25 March 2007 stated that "European integration shows that we have learnt the painful lessons of a history marked by bloody conflict". In that light the Commission will organise a public European hearing on crimes of genocide, crimes against humanity and war crimes committed by totalitarian regimes as well as those who publicly condone, deny, grossly distort or trivialize them, and emphasizes the need for appropriate redress of injustice and - if appropriate - submit a proposal for a framework decision on these crimes."

giovedì, aprile 19, 2007

Razzismo e Xenofobia: raggiunto l'accordo sulla Decisione quadro

BRUXELLES - I ministri della giustizia e degli interni della Ue sono pronti a dare domani il via libera alla nuova decisione quadro che fissa sanzioni comuni nell'Unione europea contro i reati di razzismo e xenofobia, dopo quasi sei anni di polemiche e controversie.Secondo il testo, gli Stati membri dovranno stabilire pene da uno a tre anni di prigione per chi incita pubblicamente "alla violenza o all'odio verso un gruppo di persone o a un membro di un certo gruppo, definito per riferimento alla razza, al colore, alla religione, l'ascendenza, l'origine nazionale o etnica". Stessa forbice di pena è prevista per "l'apologia pubblica, la negazione o la banalizzazione volgare dei crimini di genocidio, crimini contro l'umanità e crimini di guerra".Pur non citandolo direttamente, il testo copre anche l'Olocausto, il cui negazionismo - oltre che in Svizzera - è considerato già un reato in diversi Stati europei, tra cui Austria, Germania, Francia, Belgio, Polonia e Romania.Per fare accettare l'accordo anche a Gran Bretagna, Irlanda e paesi scandinavi, che avevano posto problemi relativi alla libertà d'espressione, la proposta originale del 2001 è stata edulcorata. Un comportamento sarà sanzionato solo se "é esercitato in un modo che rischia di incitare alla violenza o all'odio verso un gruppo di persone".

mercoledì, aprile 18, 2007

Frattini spinge per rafforzare i poteri di EUROJUST

(Da Euobserver) - The European Commission wants to strengthen Eurojust, the bloc's judicial body, giving it more powers to fight cross-border crime. It has also indicated that the idea of having a single European prosecutor should be picked up. "Eurojust should be made stronger," EU justice commissioner Franco Frattini said on Tuesday (17 April), adding that in autumn he would present his vision on ways in which to improve the five-year old body's legal structure. Currently, the Hague-based network of national prosecutors and judges serves as a helping hand to member states when dealing with serious cross-border crime. Mr Frattini indicated that the commission's paper would suggest harmonisation of responsibilities of member states' representatives to Eurojust – at the moment they vary widely. In addition, he wants to harmonise member states' powers, particularly, to improve the quality and information handed over from EU capitals to The Hague. "The communication's message [to member states] will be - make better use of joint investigation teams and make Eurojust involved," Mr Frattini said.Currently, Eurojust's team is highly dependent on the EU capitals' goodwill to cooperate. The commissioner's words were immediately echoed by Eurojust president Michael Kennedy, saying "member states should be referring more cases to us." This year, Eurojust expects to deal with up to 1,000 criminal cases, as it annually experiences an estimated 30 percent increase in the number of reported cross-border incidents. The cases often include trafficking in arms, drugs and human beings, counterfeiting and child pornography. According to one Eurojust official, Brussels' attempt to strengthen the judicial body mirrors the ambitions set out in the European constitution, which was rejected in 2005 by France and the Netherlands. The treaty, likely to be revived in some form by the end of this year, sees Eurojust as the key-stone for a single European prosecution office.Mr Frattini himself said he wanted to find out what the member states' mood for having a European prosecutor was. "It is an idea that needs to be explored", he said. It is assumed that the European prosecutor would – similar to the US federal prosecutor – have powers to initiate and proceed with the investigation of a case. But the idea is likely to meet national resistance, with one diplomat telling EUobserver "the problem is that we [the EU] don't have common definitions of crimes, nor do we recognise anything like a federal crime."

giovedì, aprile 12, 2007

La Consulta sulla contumacia

La Corte costituzionale in sentenza 117/2007 si pronuncia sulla legittimità costituzionale della disciplina processual-penalistica che consente il processo in contumacia, rigettando l'eccezione di costituzionalità sollevata dal Tribunale di Pinerolo.
Il ragionamento giuridico della Corte si svolge in armonia con le numerose pronunzie dei giudici di Strasburgo la cui giurisprudenza è abbondantemente e pertinentemente citata.

mercoledì, aprile 11, 2007

Risarcimento vittime di reati violenti ed UE

L'Italia è ancora inadempiente rispetto alle obbligazioni impostele dalla direttiva del 29 aprile 2004 relativa all'indennizzo delle vittime di reato.
Tale inadempienza rende possibile il ricorso alle Corti nazionali (sulla base della nota giurisprudenza Francovich) al fine di far condannare lo Stato italiano al risarcimento dei danni risultanti da una mancata trasposizione in diritto interno della normativa comunitaria.

sabato, aprile 07, 2007

Processo penale: il DDL Mastella passa in CdM

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il DDL Mastella finalizzato alla accelerazione e razionalizzazione del processo penale (la relazione).
Intanto continua il lavoro delle Commissioni Pisapia e Riccio.

mercoledì, aprile 04, 2007

Si è verificato un errore nel gadget